Responsabilità medica

I professionisti dello Studio Legale PSP, che si occupano di responsabilità medica, hanno maturato una notevole esperienza nella materia tale da consentire loro di intraprendere con professionalità e competenza qualsiasi caso gli venga prospettato (si veda elenco esemplificativo dei casi risolti dallo studio) .

Grazie a centinaia di casi di malasanità risarciti in 15 anni di esperienza, siamo in grado di accertare la sussistenza del nesso causale tra il comportamento del personale sanitario e i danni riportati dal paziente, per poter procedere alla corretta quantificazione dei danni, fino a ottenere il più alto risarcimento possibile.

L’esperienza dei professionisti dello Studio è, ed è stata, tale da consentire negli anni una raccolta delle pronunce più significative sul tema, che ha dato vita ad una rassegna sistematica di giurisprudenza, oltre che alla pubblicazione del manuale, edito da Giappichelli, in materia di responsabilità medica, dal titolo “La Responsabilità Civile Medica dopo la Legge Balduzzi”.

Siamo quindi in grado di analizzare, fin dalle fasi preliminari, ogni profilo di colpa medica dovuta a malasanità, sottoponendo la documentazione fornita e le informazioni raccolte ad un team di medici legali ed esperti per ogni singola branca medica.

Inserisci qui tuoi dati per una consulenza del tutto gratuita!
Verrai ricontattato nel più breve tempo possibile.

Procedura adottata dallo studio

Chi si affida agli esperti professionisti dello studio legale PSP riceve in tempi brevi un dettagliato riscontro sul proprio caso di malasanità venendo a conoscenza in modo chiaro delle modalità necessarie per denunciarlo, delle tempistiche verosimili per ricevere i primi riscontri ed una prima quantificazione indicativa dei danni, basata su criteri adottati in casi analoghi già risarciti con successo.

Trattativa Stragiudiziale

Superata positivamente la prima fase in cui viene accertata, in modo del tutto gratuito e con l’ausilio di esperti medici legali, la eventuale fondatezza del caso, procediamo alla stesura della lettera di messa in mora da inviare alla Azienda Sanitaria e/o ai medici ritenuti responsabili. Da tale lettera scaturisce una trattativa che, in un numero sempre maggiori di casi, termina con un accordo transattivo risarcitorio.

Mediazione Civile

Qualora alla trattativa non segua un accordo risarcitorio, procediamo al tentativo di conciliazione tramite la c.d. mediazione obbligatoria ex D.Lgs. 28/2010.

La mediazione è un passaggio OBBLIGATO ma che ha il pregio di costituire una ulteriore occasione per giungere ad una soluzione rapida del caso e ad un risarcimento dei danni.

In mancanza di accordo transattivo, non resterà che procedere giudiziariamente.

Accertamento tecnico preventivo

Ai sensi della nuova disposizione dell’art. 8 della Legge numero 24 dell’8 marzo 2017 (c.d. “LEGGE GELLI”), per instaurare un giudizio risarcitorio in tema di responsabilità medica, è necessario depositare un ricorso ex art. 696-bis c.p.c. al fine di ottenere una Consulenza Tecnica preventiva finalizzata alla composizione della lite.

In alternativa potrà essere instaurato, ai sensi della medesima nuova Legge, un procedimento di mediazione ex art. 5, comma 1-bis del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, ossia il procedimento di mediazione di cui sopra.

Con il ricorso ex art. 696-bis cpc, il Consulente Tecnico d’ufficio, nominato dal Giudice, riceve l’incarico di accertare le cause che hanno determinato il danno ad un paziente ed accerta quindi se sussiste o meno una responsabilità medica quantificando anche il relativo danno alla salute subito dal paziente vittima di un errore di malasanità.

L’accertamento tecnico preventivo, può consentire la soluzione della vicenda di malasanità in tempi molto brevi (solitamente dai 3 ai 6 mesi) rispetto ai lunghi tempi di una ordinaria procedura giudiziale.

Legittimati a richiedere il risarcimento del danno derivante dal decesso di un paziente sono anche gli stessi parenti del paziente deceduto a causa di un errore compiuto dai medici.

Ultimi articoli sulla Responsabilità Medica

Secondo quanto affermato recentemente dai giudici della Corte di Cassazione, il giudice, nella liquidazione equitativa prevista dalle tabelle milanesi, può (e deve) superare i limiti degli ordinari parametri ivi previsti quando la specifica situazione di danno è caratterizzata dalla presenza di circostanze di cui il parametro tabellare non può aver già tenuto conto. La fattispecie…

Il modulo di prestazione del consenso sottoscritto lo stesso giorno dell’intervento non inficia la conclusione del corretto adempimento del relativo obbligo dei medici curanti, qualora il documento scritto appaia come approdo di un percorso seguito in precedenti incontri e discussioni aventi ad oggetto la valutazione delle patologie preesistenti della paziente, la necessità di procedere all’intervento,…

Sarà la Corte Costituzionale a valutare la legittimità dell’art. 1, comma 1, l. n. 210/1992 nella parte in cui non prevede che il diritto all’indennizzo, previsto dalla medesima legge, spetti anche ai soggetti che abbiano subito danni irreversibili per essere stati sottoposti a vaccinazione antiepatite A non obbligatoria, ma raccomandata. La fattispecie La Corte d’Appello…

Per gli infortuni verificati e le malattie professionali denunciate dal 1° gennaio 2019 aumenterà del 40% il valore degli importi erogati dall’Inail per gli indennizzi del danno biologico che verranno erogati ai lavoratori per i quali sia stata accertata una menomazione dell’integrità psicofisica tra il 6% e il 15%. Sulle regole introdotte dal decreto del…

Una mamma fiorentina, avvertendo le consuete doglie, si è recata al Pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni di Dio (Firenze), dove venne accolta dai sanitari di turno, i quali però, nonostante alcuni tracciati evidenziassero una sofferenza fetale, decisero di attendere la nascita tramite parto naturale, invece che procedere con un taglio cesareo di urgenza. Una decisione…

Nella sentenza in esame, i giudici della Cassazione, confermano che i danni trasmissibili jure hereditatis, sono: il danno biologico (c.d. danno terminale, dunque la lesione del bene della salute) – consistente nei postumi invalidanti che caratterizzano il periodo intercorrente tra l’evento lesivo e il decesso – per la configurabilità del quale è necessario il protrarsi…

Con tale sentenza, i giudici della Corte di Cassazione ci dicono se nel danno non patrimoniale il danno morale ed il danno dinamico relazionale sono componenti distinte oppure la prima racchiude nella sua quantificazione anche la seconda voce e, soprattutto, si soffermano su quale sia l’onere probatorio a carico del danneggiato per ottenere il risarcimento…

Con questa pronuncia, la corte di Cassazione torna sul tema del danno patrimoniale futuro, in particolare si sofferma ad analizzare quale prova debba fornire il danneggiato per provare l’esistenza di tale danno e per poi procedere alla relativa quantificazione. La fattispecie Un uomo, alla guida della propria vettura per andare a lavoro, colpisce un autoarticolato…

Nella sentenza in commento, i giudici della Suprema Corte di Cassazione cercano di rispondere ad un quesito riguardante la tematica del consenso informato e cioè se spetta anche alla moglie il risarcimento del danno nel caso in cui il marito sia rimasto impotente a seguito di un intervento chirurgico dei cui rischi non era stato…

Con la sentenza in esame, i giudici della corte di Cassazione si sono occupati delle prestazioni sanitarie indirette, affermano che le spese per cure urgenti e di altissima specializzazione non erogate in Italia dal SSN, debbono essere rimborsate dall’ASL competente. La fattispecie Nel caso in esame, un paziente, ricoverato in un Ospedale italiano riceveva una…

© 2016 Studio Legale PSP - PI: 06019040481
Viale Evangelista Torricelli 15 - 50125 Firenze (FI)
Telefoni: 055/229136 - 055/229347 - 055/229058 | Fax: 055/2280605
Admin

OWA